ORDO FRATRUM MINORUM CONVENTUALIUM
Italiano (Italy)Polski (Poland)Español(Spanish Formal International)English (United Kingdom)

Capitolo provinciale della Provincia Italiana di S. Antonio di Padova

Il primo Capitolo provinciale ordinario della nuova Provincia Italiana di S. Antonio di Padova si è svolto nei giorni 7-16 aprile 2013 presso il convento dei Ss. Giovanni Battista e Antonio a Camposampiero (PD), Italia.

Capitolo provinciale della Provincia Italiana di S. Antonio di Padova

Al Capitolo – presieduto dal Ministro generale, Fra Marco TASCA – hanno partecipato 83 delegati, tra i quali 18 frati ex officio: Fra Antonio RENZINI, ex Ministro provinciale della Bolognese; Fra Gianni CAPPELLETTO, Ministro provinciale della Patavina; Fra Mauro GAMBETTI, Ministro provinciale della Bolognese; Fra Germano TOGNETTI, Vicario provinciale della Bolognese (facente funzione di Ministro, dopo la recente elezione del Provinciale a Custode del Sacro Convento di Assisi); Fra François Xavier BUSTILLO, Custode di Francia-Belgio; Fra Bortolino MAISTRELLO, Custode del Ghana; Fra Maximilianus Kalef SEMBERING, Custode di Indonesia e i due Definitori uscenti. 37 erano i delegati dei conventi, 3 quelli dei frati fuori Provincia e 25 quelli delle due Province. Inoltre, sono stati invitati come uditori: Fra Joaquín AGESTA CUEVAS, Assistente Generale CIMP e Fra Valentín REDONDO, ex Assistente Generale CIMP. Erano presenti come ospiti: Fra Mario BROLLO (Provincia Rioplatense) e Fra Wilmar Villalba ORTIZ (Provincia S. Francesco del Brasile).
In questa prima parte del Capitolo si è proceduto ad una revisione della vita delle Province Patavina e Bolognese del precedente quadriennio, ad indicare le linee essenziali per l’elaborazione del PPQ e ad individuare alcuni temi per lo Strumento di Lavoro della seconda parte del Capitolo.
Si è quindi proceduto all’elezione del 1° Ministro provinciale della nuova giurisdizione. I capitolari hanno scelto Fra Giovanni VOLTAN, già Vicario provinciale della Patavina. A seguire è stato eletto il Definitorio di cui fanno parte: Fra Oliviero SVANERA, Vicario; Fra Federico SANTOLIN, Segretario; Fra Carlo COMINI, Economo; Fra Giancarlo ZAMENGO; Fra Giancarlo CAPITANIO; Fra Antonio RAMINA; Fra Francesco RAVAIOLI e Fra Valerio FOLLI. L’ufficio di Esattore provinciale è stato affidato a Fra Antonio GUIZZO.
Al termine della prima parte è stata eletta la terna di nomi da inviare alla Segreteria di Stato per la nomina del Rettore della Basilica del Santo e sono stati scelti i 5 delegati della Provincia per il Capitolo generale.
Tra i momenti particolari del Capitolo vale la pena ricordare l’Eucaristia dell’8 aprile, concelebrata dai capitolari nella Basilica di S. Antonio in Padova, presieduta dal Ministro generale, in occasione del 750° anniversario del ritrovamento della lingua incorrotta di S. Antonio da parte di S. Bonaventura, allora Ministro generale dell’Ordine (l’anniversario cadeva proprio in quel giorno). La celebrazione è stata preceduta da un saluto ai capitolari del vescovo di Padova, Mons. Antonio MATTIAZZO, a nome della Diocesi.
Nel corso della cerimonia sono stati letti ufficialmente il decreto di soppressione della Provincia Bolognese di S. Antonio di Padova e della Provincia Patavina di S. Antonio, e quello di erezione della nuova Provincia Italiana di S. Antonio di Padova.
La prima parte del Capitolo si è conclusa martedì 16 aprile 2013, mentre la seconda è prevista dal 15 al 27 luglio c.a.

La Provincia Italiana di S. Antonio di Padova è stata eretta ufficialmente il 7 aprile 2013 e – dopo quasi otto secoli – la giurisdizione torna ad avere gli stessi confini territoriali che aveva agli inizi dell’Ordine, quando anche Sant’Antonio fu Ministro provinciale. Dopo l’unione tra la Provincia Patavina e la Ligure-Piemontese, avvenuta nel 1999, questa unione fa in modo che in tutto il nord Italia ci sia solo una giurisdizione della quale fanno parte: Liguria, Piemonte, Valle d’Aosta (anche se non ci sono conventi in questa piccola regione), Lombardia, Trentino Alto Adige, Veneto, Friuli Venezia Giulia ed Emilia-Romagna.
Appartengono alla Provincia 301 frati, 40 conventi (compresi quelli delle Delegazioni di Portogallo –3, e Cile – 3). Tre sono le Custodie che dipendono dalla Provincia: Francia-Belgio, Ghana ed Indonesia.

Fra Federico Santolin, segretario della Provincia